The Herald

Foto di Alisha Jucevic/The Herald
Ayden Rees di Jasper, 14 anni, ha subito una fusione spinale a marzo a causa di un grave caso di scoliosi. La matricola in arrivo al liceo Jasper ora ha due barre di metallo nella schiena.

Di CASSIE HEEKE
Herald News Stagista

Quando Ayden Rees, 14 anni, voleva uccidersi, la scoliosi era almeno una parte della ragione.
All’adolescente Jasper è stato diagnosticato il disturbo alla fine del 2013 dopo che la sua spalla è saltata fuori posto. Era la sera del Ringraziamento, ed era a casa dei nonni quando si tolse la camicia per fare una doccia. Fu quando sollevò il braccio in testa che la sua spalla barcollò fuori posto, iniziando due anni di quello che Ayden descrive come un ottovolante.
Il Dr. Daniel Eby, un medico ortopedico di Jasper, ordinò la prima radiografia della scoliosi, che indicava una curva di 34 gradi nella colonna vertebrale di Ayden. Era stato dritto al suo fisico appena sei settimane prima. Ayden e sua madre, Daniell (Bolin) Rees, non erano preoccupati. La scoliosi era, nella migliore delle ipotesi, non minacciosa. Nel peggiore dei casi, richiedeva solo un tutore.
” Quando ero a scuola, la scoliosi era, ‘Oh, le tue spalle sono irregolari'”, ha detto Daniell. “La portata di esso non era sicuramente nulla che avremmo potuto mai sognato di accadere.”

Foto per gentile concessione di Daniell Rees
Una foto a raggi X prima e dopo mostra come appariva la colonna vertebrale di Ayden Rees prima dell’intervento con una curva di oltre 55 gradi e come appare dopo l’intervento che includeva l’inserimento di due barre di metallo.

Eby ordinò un tutore speciale per Ayden, che doveva indossare 23 ore al giorno per sei mesi. Ma la sua colonna vertebrale ha rifiutato di smettere di curvare, spingendo le costole contro il tutore e causando dolore lancinante nella parte superiore del torace. A volte, c’erano spasmi muscolari e lo spostamento lo rendeva quasi incapace di respirare. Daniell più di una volta si precipitò al pronto soccorso al Riley Hospital for Children di Indianapolis, dove la famiglia ha anche visitato per appuntamenti ogni tre mesi.
La scoliosi progredì rapidamente e Ayden iniziò a provare intorpidimento alla schiena e alle spalle. Perché l’oppressione sui suoi polmoni significava che non riusciva a riprendere fiato, ha rinunciato a giocare a basket per la Scuola Sacra Famiglia, dove si è laureato il mese scorso dalla terza media. Prima di scoliosi, era stato un regolare al Dubois County 4-H Fiera nel cavallo e pony mostra, ma ha dovuto perdere quegli eventi l ” anno scorso, pure.
“Ha superato la scorsa estate, e poi all’inizio dell’anno scolastico l’anno scorso abbiamo iniziato a vederlo scivolare in discesa piuttosto rapidamente”, ha detto Daniell. “La depressione è iniziata. Il suo corpo era deformato.”
Ecco la ripida caduta che ha portato Ayden a considerare il suicidio.
C’era la scoliosi, e Ayden stava guardando sua madre sopportare un divorzio con il padre adottivo; non ha mai conosciuto il suo padre biologico, qualcosa che ha detto ha pesato su di lui per tutta la vita.
Il fine settimana prima del suo settembre. 12 compleanno, Ayden si chiuse nella sua stanza. Quando Lunedi mattina è venuto e ha rifiutato di frequentare la scuola, Daniell confiscato il suo telefono e ha scoperto che era stato alla ricerca di modi per uccidersi. Ha detto che voleva morire.
Poiché il suo 14 ° compleanno cadeva di venerdì, la famiglia aveva programmato di fare un viaggio a French Lick con Ayden e i suoi amici per festeggiare. Invece, Ayden ha trascorso la settimana a Deaconess Cross Point a Evansville come impaziente in trattamento per la depressione. Al suo appuntamento quel settembre a Riley, la sua spina dorsale era curva ad un angolo di 42 gradi.

Ayden Rees osservò i suoi cugini e amici lottare sul suo letto Venerdì pomeriggio nella sua casa di Jasper. Guarendo da un intervento chirurgico, Rees trascorre gran parte del suo tempo a casa. La scoliosi lo ha costretto a rinunciare al basket alla Holy Family School e alle attività alla fiera 4-H della contea di Dubois.

Dopo quel soggiorno di Diaconessa, Ayden si riprese costantemente dalla depressione, ma il suo scheletro era ancora in rivolta. A dicembre, la curva era aumentata a 57 gradi. Non c’era altra scelta che un intervento chirurgico, così ha subito una fusione spinale 31 marzo.
“Ero OK con esso,” Ayden ha detto. “Volevo un intervento chirurgico dal primo giorno. Non volevo avere a che fare con esso per il resto della mia vita.”
Ci sono volute più di nove ore per posizionare due aste nella schiena di Ayden con 19 viti per tenerle in posizione. Il chirurgo raschiato osso dalla colonna vertebrale e mescolato con altro osso per diffondere sulla parte superiore della colonna vertebrale e completare la fusione. Ayden ha eliminato tutti i possibili ostacoli che Daniell aveva temuto-infezione, paralisi, morte — anche se rimane a rischio di infezione.
Dopo l’intervento, il medico di Ayden gli ha detto che ora ha l’equivalente di un’auto da $50.000 nella schiena. In realtà, il metallo costa circa $68.000 e le spese totali ammontano a circa mezzo milione di dollari, ha detto Daniell. Ha aperto una pagina web, gofundme.com / supportayden, e un conto beneficio presso Old National Bank dove chiunque può donare per aiutare con le spese e visualizzare gli aggiornamenti sul recupero di Ayden. Se viene raccolto abbastanza denaro, andrà anche verso un viaggio di famiglia a Washington, DC, perché l’intervento chirurgico di Ayden significava che non era in grado di recarsi nella capitale della nazione con la sua classe di terza media questa primavera alla Holy Family.
Ci vorrà un anno perché Ayden, ora 3 pollici più alto, sia completamente guarito e privo di restrizioni prescritte dal medico. Una cicatrice da 14 pollici segna dove la sua schiena è stata strappata a metà, e potrebbe strapparsi immediatamente se cade o viene spinto abbastanza forte. Gli mancherà un’altra fiera di 4 ore perché andare a cavallo è ancora fuori questione. Ma ha detto che sta considerando di provare la squadra di baseball della Jasper High School una volta raggiunto il secondo anno, quando si è completamente ristabilito.
Per ora, mentre riposa e guarisce, gioca ai videogiochi e usa i forum di supporto alla stima online per aiutare gli altri che stanno lottando. E ‘ancora sotto una bassa dose di farmaci per la depressione, ma pensa che sara’ tolto presto. Ayden ha detto che la religione e la fiducia nel piano di Dio sono ciò che lo ha portato a termine, sia fisicamente che emotivamente.
“È stato solo un po ‘tutto per me”, ha detto Ayden. “Ho dovuto mettermi nello stato mentale di,’ No, Dio ha un piano per me, non posso morire ora.”
Contattare Cassie Heeke all’indirizzo [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.